Amalgama dentale, attento ai campi elettromagnetici

 30 marzo 2016
Posted by Dott. Fabio Calzonetti
Se l'articolo ti piace condividilo!Share on Facebook269Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

» Amalgama dentale e campi elettromagnetici.

Nel corso degli ultimi decenni, l’uso di fonti comuni di campi elettromagnetici come router Wi-Fi e telefoni cellulari è stata aumentata enormemente in tutto il mondo.

Vi è in corso la preoccupazione che l’esposizione ai campi elettromagnetici possa causare effetti negativi sulla salute.

È stato recentemente dimostrato che anche basse dosi di mercurio sono capaci di causare tossicità, infatti oggi l’uso dell’amalgama di mercurio nei restauri dentali si è ridotta drasticamente.

Un team di ricerca condotto dai D.ri Mortazavi nel 2015, è riuscito a dimostrare che esiste una correlazione tra restauri dentali in amalgama di mercurio ed esposizione a campi elettromagnetici.

Nello specifico hanno scoperto che i soggetti che si espongono a campi elettromagnetici emessi per esempio dalla Risonanza Magnetica Nucleare, telefoni cellulari, etc… , aumentano il rilascio di mercurio da parte dei restauri dentali in amalgama e quindi nelle urine.

Come dimostrato in Tabella 1, se la risonanza magnetica viene fatta entro le 24 ore dal restauro, l’effetto del rilascio di mercurio dura fino a 72 ore dall’esame radiologico.

restauroamalgama

Tabella 1: Trend di concentrazione di mercurio nelle urine di soggetti sottoposti a Risonanza Magnetica (MRI Group) e gruppo di soggetti controllo (non sottoposti a MRI). Fonte Researchgate.net


Anche se è stato precedentemente creduto che la quantità di mercurio rilasciato dall’amalgama dentale non può essere pericolosa, nuovi risultati indicano che il mercurio, anche a basse dosi, può causare tossicità.

Sulla base di recenti dati epidemiologici, si può affermare che la sicurezza del mercurio rilasciato dalle otturazioni in amalgama dentali è discutibile.

Una maggiore emissione di mercurio dopo l’esposizione a campi elettromagnetici può essere rischioso anche per le donne in gravidanza, infatti, dovrebbero limitare la loro esposizione ai campi elettromagnetici per prevenire gli effetti tossici di mercurio nei loro feti.

Nonostante i numerosi dibattiti riguardo la tossicità o meno dei restauri di amalgama di mercurio, secondo le scoperte di questo gruppo di ricerca, avremmo bisogno di un cambiamento di paradigma nella valutazione degli effetti sulla salute delle otturazioni in amalgama.





Riferimenti Bibliografici:
Rev Environ Health. 2015;30(4):287-92. doi: 10.1515/reveh-2015-0017.


                                    
Dott. Fabio Calzonetti
Odontoiatra e Dental Blogger. Direttore sanitario dello Studio Dentistico Dott. Calzonetti.

Leave a Comment

Error! This email is not valid.