Ortodonzia tradizionale ed invisibile

 10 novembre 2015
Posted by Dott. Fabio Calzonetti
Se l'articolo ti piace condividilo!Share on Facebook25Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn2

Che cos’è l’ Ortodonzia ?

E’ la branca della Odontoiatria che si occupa della correzione delle anomalie di sviluppo e di posizionamento dei denti, delle ossa della faccia e della muscolatura annessa. L’obiettivo è quello di ottenere una corretta occlusione, cioè la miglior intercuspidazione possibile, in un profilo del viso armonico. Il buon contatto fra i denti garantisce oltre che una corretta funzione masticatoria, anche un buon equilibrio posturale e neuro-muscolare.

Quali sono i fattori che possono determinare una malocclusione?

I fattori che possono alterare il normale accrescimento del distretto cranio-maxillo-faciale possono essere suddivisi in due categorie: fattori genetici che esercitano la loro influenza durante tutto l’arco di accrescimento e fattori esterni quali le abitudini viziate, i traumi scheletrici e dentali.

A quale età si può iniziare un trattamento ortodontico?

L’ ortodonzia può intervenire sulla malocclusione a età diverse: fra i 6 e gli 8 anni si attua una terapia cosiddetta  precoce, (FASE PREVENTIVA) che offre l’opportunità di guidare la crescita dell’osso mascellare correggendo anomalie quali il palato stretto, l’eccessiva protrusione degli incisivi superiori e le abitudini viziate quali il succhiamento del pollice, l’interposizione labiale della lingua, la respirazione orale o mista, una fonazione non corretta con difficoltà a pronunciare alcune consonanti o fonemi. In questa fase vengono impiegati prevalentemente apparecchi mobili. In una seconda fase fra i 9 e i 13 anni, (FASE INTERCETTIVA) , viene modificato il vettore di crescita delle basi ossee mascellari. Alla fine del picco di crescita puberale (16 anni nella donna e 18 nell’uomo) può rendersi necessaria una terza fase di trattamento ortodontico (FASE CORRETTIVA) nella quale si procede all’allineamento degli elementi dentali perfezionando l’occlusione. In genere segue un’ultima fase (FASE DI CONTENZIONE) al fine di mantenere i risultati terapeutici ottenuti.

Che cos’è l’ortodonzia invisibile (tipo Invisalign)?

E’ una tecnica che permette di realizzare trattamenti ortodontici senza ricorrere alle tradizionali apparecchiature in metallo, utilizzando una serie di apposite mascherine trasparenti rimovibili, che contengono in sé il movimento da trasferire ai denti.

ortodonzia invisalignortodonzia invisibile

Queste mascherine, dette “allineatori”, vengono sostituite in media ogni due settimane con un nuovo set. Ciascun allineatore è realizzato soltanto per i denti di un determinato paziente. Quando si sostituiscono gli allineatori, i denti si muovono settimana per settimana,  finchè  non si saranno allineati nella posizione finale prestabilita. Un altro vantaggio oltre all’estetica, è dato dal fatto che il paziente può continuare a lavarsi i denti, passare il filo interdentale ed effettuare una normale igiene orale durante la terapia. Attraverso un software 3D , è possibile simulare al computer tutte le fasi del trattamento fino al risultato finale .

ortodonzia 3D

Quali anomalie si possono trattare con l’ ortodonzia invisibile?

L’ ortodonzia cosiddetta “invisibile” tratta lievi anomalie di posizione dei denti quali ad esempio gli affollamenti dentali, i diastemi (spazi fra i denti) , ecc…

Nello Studio Dentistico Calzonetti vengono svolte le seguenti terapie ortodontiche:

  • Terapia preventiva e intercettiva con apparecchiature prevalentemente mobili
  • Terapia preventiva e intercettiva del deep bite (morso profondo) e dell’open bite ( morso aperto) con apparecchiature prevalentemente mobili
  • Terapia fissa utilizzando varie tecniche che vanno da quelle convenzionali (brackets metallici incollati sulla superficie esterna dei denti) , a quelle più sofisticate e altamente estetiche come ad esempio l’ ortodonzia linguale (i brackets metallici sono incollati sulla superficie interna dei denti per cui non sono visibili), e  la tecnica  cosiddetta “ invisibile” (tipo Invisalign), che prevede l’utilizzo di apposite mascherine trasparenti al fine di spostare gli elementi dentali evitando altri dispositivi ortodontici intraorali meno graditi dai pazienti .
ortodonzia linguale

Caso Clinico 1: Ortodonzia linguale

– Trattamento chirurgico-ortodontico dei denti inclusi e trasposti

– Ortodonzia preprotesica: comprende una serie di procedure atte a risolvere situazioni cliniche sfavorevoli all’applicazione di protesi dentarie:

  • Uprighting molare (raddrizzamento): in caso di forte inclinazione dei denti molari che impedisce il suo utilizzo come pilastro per una protesi fissa.
  • Correzione del cross-bite (morso incrociato): questa situazione clinica determina contatti occlusali traumatici e ciò può causare disfunzioni neuromuscolari e danni  alle articolazioni temporo-mandibolari .
  • Derotazione elementi ruotati: è indicata per esigenze estetiche o per esigenze di spazio( un dente ruotato occupa più spazio nell’arcata), oppure per ricreare adeguate aree di contatto fra i denti
  • Gestione e ridistribuzione degli spazi post-estrattivi al fine di ottimizzare il trattamento protesico
  • Risoluzione di affollamento dentale con riallineamento al fine di evitare la formazione di carie interprossimali e infiammazioni gengivali a causa della difficoltà nelle pratiche di igiene domiciliare.
  • Estrusione o intrusione di elementi dentali.

– Utilizzo di mini-viti (mini-screw) a scopo di ancoraggio ortodontico per risolvere più rapidamente varie situazioni cliniche rendendo più sicuri  i movimenti dentali rispetto alle tecniche convenzionali ; possono essere inseriti in numero variabile a seconda delle esigenze terapeutiche. Vengono associati alla terapia fissa come ancoraggio diretto e ad essi vengono applicate le forze necessarie per spostare i denti tramite catenelle  elastomeriche o molle super-elastiche in nichel-titanio.

ortodonzia mini-screw

Caso Clinico 2: Applicazione di mini-screw per ancoraggio ortodontico

VANTAGGI:

  • Basso costo
  • Facilità operativa
  • Non si esercitano forze potenzialmente nocive in altri elementi dell’arcata
  • Trattamento più rapido
  • Scarsa invasività
Dott. Fabio Calzonetti
Odontoiatra e Dental Blogger. Direttore sanitario dello Studio Dentistico Dott. Calzonetti.

Leave a Comment

Error! This email is not valid.